NIKON
OPPO

La Cina crea un precedente: cancellati milioni di post sui social, causano disinformazione

Il regolatore del cyberspazio in Cina ha dichiarato che 1,4 milioni di post sui social media sono stati cancellati a seguito di un’indagine di due mesi su presunta disinformazione, profitto illegale e impersonificazione di funzionari statali, tra gli altri “problemi pronunciati”. La Cyberspace Administration of China (CAC) ha rilasciato una dichiarazione nella quale ha spiegato di avere chiuso 67.000 account di social media e cancellato centinaia di migliaia di post tra il 10 marzo e il 22 maggio come parte di una più ampia campagna di “rettifica”.

Dal 2021, la Cina ha preso di mira miliardi di account di social media nel tentativo di “ripulire” il suo cyberspazio e renderlo più facile da controllare per le autorità. Il più recente giro di vite ha preso di mira gli account sulle popolari app di social media cinesi tra cui WeChat, Douyin e Weibo che rientrano nella categoria di “self media”, un termine che si riferisce ampiamente agli account che pubblicano notizie e informazioni ma non sono gestiti dal governo o dallo stato approvato.

Pechino arresta frequentemente cittadini e censura gli account per la pubblicazione o la condivisione di informazioni fattuali considerate sensibili o critiche nei confronti del Partito Comunista, del governo o dell’esercito, soprattutto quando tali informazioni diventano virali. Dei 67.000 account chiusi definitivamente, quasi 8.000 sono stati rimossi per “diffusione di notizie false, voci e informazioni dannose”, secondo CAC.

Circa 930.000 altri account hanno ricevuto punizioni meno severe, dalla rimozione di tutti i follower alla sospensione o cancellazione dei privilegi di lucro. In una campagna separata, l’autorità di regolamentazione ha recentemente chiuso oltre 100.000 account che presumibilmente rappresentavano in modo errato conduttori di notizie e agenzie di stampa per contrastare l’aumento della copertura di notizie false online aiutata dalle tecnologie di intelligenza artificiale.

Il CAC ha fatto sapere che la sua ultima campagna ha preso di mira quasi 13.000 account militari contraffatti, con nomi come “Chinese Red Army Command”, “Chinese Anti-terrorist Force” e “Strategic Missile Force”. Circa 25.000 altri account sono stati presi di mira per aver impersonato istituzioni pubbliche, come centri di controllo delle malattie e prevenzione e istituti di ricerca statali.

Quasi 187.000 sono stati puniti per essersi spacciati per imprese di mezzi di informazione, mentre oltre 430.000 avrebbero offerto consulenza professionale o servizi educativi senza possedere qualifiche professionali pertinenti. Circa 45.000 account sono stati chiusi per “proclamazione di temi scottanti, caccia al potere e monetizzazione illegale”.

Il regolatore ha sostenuto di essersi “coordinato attivamente con la pubblica sicurezza, la supervisione del mercato e altri dipartimenti, per sferrare un duro colpo e rettificare il” self-media “illegale”. “Allo stesso tempo, (noi) chiediamo anche alla maggior parte dei netizen di partecipare attivamente al monitoraggio e alla segnalazione (‘self-media’ illegale), fornire indizi… e mantenere insieme un cyberspazio pulito”, ha concluso.

OPPO
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC