NIKON
NIKON

Ifa 2020: LG ThinQ Home, la casa è davvero smart (con l’IA)

Si chiama ThinQ App ed è la soluzione “tuttofare” di LG per rendere davvero smart e connessa la casa. Sì, perché la nuova applicazione di LG Permette di controllare tutti i dispositivi della smart home e IoT in un contesto di ecosistema aperto, connesso e in continua evoluzione.

L’integrazione avviene al livello di sistema operativo (Android) al fine di raggiungere efficienza di utilizzo dei dispositivi, mediata dalle funzioni e dalle soluzioni ottenibili con l’intelligenza artificiale.

LG la chiama “connettività proattiva”, perché si instaura nel momento in cui serve davvero e non solo su stimolo del consumatore. Questo è il ruolo della IA: analizzare e comprendere le abitudini degli utenti in casa e rendere la tecnologia una parte integrante e fondamentale dello stile di vita.In modo treasparente, semplice e immediato. LG si concentra sui benefici più che sulle funzioni e le prestazioni.

Attraverso la ThinQ App grandi e piccoli elettrodomestici, Tv, soundbar, dispositvi personali e così via trovano un linguaggio comune nel quale operae in modo simbiotico e sinergico.

Questa applicazione rientra nel più esteso concetto di “Power of Connectedness” perché crea una grammatica di integrazione tra prodotti diversi ed eterogenei. La somma delle singole parti crea un nuovo valore: quello derivato dai benefici offerti dall’innalzamento della qualità della vita domestica.

ThinQ Home, la concierge virtuale di LG

Il percorso è tracciato dalla raccolta dei dati, dall’ottimizzazione delle informazioni e dalla personalizzazione. Tre risultati che sono raggiunti attraverso la piattaforma ThinQ, soprattutto per quanto riguarda la duttilità derivata dalla capacità dei dispositivi di adattare funzionamento e prestazioni analizzando i gusti e le modalità di ciascun utente in casa.

La personalizzazione rappresenta la chiave di volta di ThinQ, perché permette al dispositivo, qualunque esso sia, di evolvere nel tempo “imparando” dalle abitudini delle persone. L’intelligenza artificiale gioca e giocherà il ruolo fondamentale di legare tra loro i device e di mantenerli sempre al livello di funzionamento adeguato alle specifiche richieste. Anche per questo sul palco di Ifa 2020 si è usato il concetto di ThinQ Home, perché punta l’attenzione sull’utente e non sulle specifiche tecniche.

ThinQ Home si affida a una pagina principale denominata Concierge con cui si controlla l’intera pletora di dispositivi connessi. Dallo sfoglio della Concierge si raggiungono le funzioni specifiche per ogni prodotto e anche configurazioni generali con cui attuano automatismi e routine. ThinQ Home si differenzia per la capacità di apprendere le abitudini e di configurare in automatico il funzionamento dei singoli dispositivi in accordo con le informazioni raccolte. La connettività diventa concreta, perché all’utente è richiesto di configurare l’ambiente ideale in cui vuole stare. L’applicazione si occupa di regolare il funzionamento dei device affinché la casa “funzioni” in modo intelligente in accordo con le preferenze delle persone che la abitano.

NIKON
AIR TWISTER
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
PANTHEK
ARCADE1UP