ifa 2020
playit

“Con immenso onore sono lieto di confermarvi che Haier, per il quarto anno di fila, è il principale produttore di elettrodomestici al mondo con una quota globale del 15,7%”, così esordisce Yannick Fierling, Ceo di Haier Europe. Ciascuno dei prodotti del brand è studiato per essere parte di un ecosistema e per integrarsi in un contesto di IoT. Non solo, spiega Fierling che “tutti i nostri modelli sono studiati per permettere di entrare in contatto con le qualità tipica del nostro marchio e con la connettività che offriamo”.

L’obiettivo di lungo periodo è continuare a crescere in Europa. Il primo passo è stato di acquisire Candy, che ha permesso di guadagnare quote di mercato (arrivando a sfiorare il 7%) e di ampliare l’offerta di prodotti.

La visione di Haier passa dall’apertura di nuove linee di produzione in Polonia e in Turchia e dall’ingaggio di un numero sempre maggiore di consumatori. La connettività ha il ruolo di portare innovazione e incrementare la cifra tecnologia dei prodotti offerti.

La nuova strada è affidata all’intelligenza artificiale, anche per comprendere a fondo le abitudini dei consumatori ed elevare le prestazioni. La connettività fa rima con omogeneità di utilizzo, perché la medesima applicazione è declinata su tutti i brand afferenti ad Haier. Con il duplice vantaggio di assicurare un’elevata esperienza di utilizzo e garantire il pieno supporto delle funzioni.

La connettività, ci tiene a precisare Fierling, non è una funzione ma un valore del prodotto. La possibilità dell’elettrodomestico di connettersi con lo smartphone e di operare in un contesto IoT serve “solo se propone un reale vantaggio all’utente finale, che deve trarre benefici dall’utilizzo di queste funzioni. Per questo abbiamo rinnovato l’app per iOS e Android, reperibile anche sul sito hon-smarthome.com“.

Candy è il brand delegato a mantenere e rafforzare la posizione di brand leader tra i marchi di elettrodomestici connessi. Allo stato attuale detiene il 35% di market share negli elettrodomestici connessi con oltre 7 milioni di unità vendute.

La leadership non basta. Haier punta sulla conoscenza del consumatore attraverso l’utilizzo dei prodotti connessi, in particolare quelli di Candy. Solo attraverso questo processo di conoscenza si possono gettare le basi per l’evoluzione futura dei prodotti e dei brand. Candy vanta oltre 1,2 milioni di device connessi in tutta Europa, con oltre il 30% di utenti attivi. Già nel 2019 Candy ha presentato una lavatrice modulata sull’analisi delle abitudini degli utenti registrati e attivi con la connettività offerta dal marchio italiano.

Questo progetto di analisi dei trend e delle modalità di utilizzo dei consumatori permette di comprendere che il 21% degli utenti usa lo smartphone per attivare la lavatrice (3 volte tanto nel 2019 rispetto al 2018). Nel 70% dei casi la connettività ha permesso di scegliere nuovi programmi suggeriti dall’applicazione, ottenendo vantaggi.

Nova, la lavatrice che usa lo smartphone

Candy si affida a questa esperienza per il debutto di Nova, la prima lavatrice con un “solo tasto”, perché il resto è configurabile dall’applicazione Hon. L’interfaccia è totalmente rivoluzionata: lo smartphone diventa il display della lavatrice; l’app assicura l’ottimizzazione delle funzoni e le funzioni di intelligenza artificiale per permettere alle persone di ottenere il migliore risultato finale.

Nessuna lavatrice ha concentrato la totalità delle sue funzioni in un unico pulsante: premendo il tasto “On” si attiva il controllo remoto, così che la lavatrice è in grado di connettersi all’pp Hon. Quest’ultima dispone di una completa interfaccia per gestire dallo smartphone tutte le funzionalità del prodotto, oppure dagli assistenti vocali Amazon Alexa e Google Home, pronti a controllare la lavatrice a mani libere.

L’applicazione propone una lista di oltre 60 cicli di lavaggio, per adattare il funzionamento di Nova per ogni tipo di capo o tessuto. C’è anche la funzione Snap&Wash, che tramite una semplice foto del bucato consiglia il ciclo di lavaggio ideale. La medesima funzione si trova anche sulla lavatrice connessa Hoover H-Wash 500, sempre appartenente al gruppo di Haier.

Tornando a Nova, attraverso lo smartphone si ottengono oltre 500 consigli e trucchi dedicati al lavaggio, tra cui i suggerimenti per rimuovere al meglio una macchia, per lavare una camicia colorata, per scegliere il detersivo migliore o per rimuovere un filtro da pulire.

Una volta definito il ciclo di lavaggio, è possibile salvarlo ed avviarlo direttamente ogni volta che si vuole attraverso l’app o più semplicemente cliccando il bottone del cruscotto

Candy Nova, disponibile anche in versione lavasciuga con più di 20 cicli aggiuntivi dedicati all’asciugatura, è dotata di un motore speed drive Inverter che garantisce altissimi standard di lavaggio e massima efficienza energetica.

L’intelligenza artificiale di Haier

L’ecosistema di Haier è affidato all’intelligenza artificiale. La somma di questi due concetti produce risultati volti a offrire un ambiente pulito, sano e confortevole in casa.

Una necessità che Hoover ha identificato sia per rafforzare il posizionamento del suo marchio come un affidabile facilitatore di benessere, sia per differenziare la sua offerta, che spazia dai prodotti per la cura dei pavimenti alle lavatrici intelligenti ai sofisticati elettrodomestici da cucina.

Così a Ifa 2020 il marchio di Haier ha mostrato H-Abitat, il primo Home Wellbeing Ecosystem per una casa più sana. Si basa su tre elementi intelligenti che interagiscono costantemente tra loro, raccogliendo dati interni ed esterni dell’aria, tutti gestibili e personalizzabili attraverso la App Hon.

Fornendo un accurato monitoraggio dell’aria e la rilevazione della polvere depositata, H-Scanner comunica con gli altri elementi per dare un costante aggiornamento dei dati e per attivare automaticamente gli allarmi in caso di livelli critici di polvere, pollini e allergeni.
Una volta identificate le potenziali minacce, H-Purifier 700 procede alla purificazione dell’aria e per l’inattivazione dei pollini, garantendo un ambiente domestico pulito e sano e, in caso di necessità, H-Go 700 Extra inizia automaticamente a pulire fornendo elevate prestazioni su tutte le superfici.

Haier, la IA entra in cucina

L’Ifa 2020 di Haier è ad alta intensità di novità. Riprendendo il concetto chiave dell’intelligenza artificiale, il brand lo ha declinato nella gamma di built-in (incasso) Serie 4 destinata alla cucina.

“Artificial Intelligence Inside” è il claim che accompagna il lancio sul mercato europeo di un range completo di forni, microonde, piani cottura, cappe frigoriferi e lavastoviglie che sfruttano la connectivity e l’AI per offrire soluzioni tailor made, risultati di sorprendenti, e si integrano alla perfezione nelle cucine moderne con il proprio design elegante e minimale.

Per sviluppare la propria idea di cucina del futuro Haier propone la prima gamma di prodotti per la cottura interamente guidata dall’intelligenza artificiale con un obiettivo dichiarato: “From Cooking To Amazing”.
A partire dalla gamma dei forni, prodotto flagship della cucina, che offrono le potenzialità e le funzionalità delle innovative tecnologie “Cook with me”.

Tra queste, un esempio concreto è la tecnologia PreciTaste, in grado di riconoscere grazie all’intelligenza artificiale i tipi di alimenti inseriti all’interno del forno, di impostare automaticamente i parametri di cottura e ricevere una notifica quando il cibo è pronto.
Il forno, oltre ad avere un sensore di presenza che lo fa accendere in automatico quando qualcuno si avvicina, è dotato di un’interfaccia intuitiva, attivabile sia attraverso lo schermo di controllo full touch da 19″ sia con la voce.

Dal canto suo, la funzione PreciProbe per il piano cottura tiene sotto controllo la temperatura del cibo, scegliendo automaticamente la potenza corretta in ogni fase della cottura e avvisando una volta pronto. PreciProbe è una sonda di temperatura bluetooth estremamente precisa, compatta, utilizzabile sia con cibi solidi che liquidi grazie al suo supporto e permette anche la cottura sottovuoto a bagnomaria

Mentre la tecnologia Multizone, che grazie a un avanzato sistema di rilevamento della temperatura e una gestione ottimizzata della potenza, è in grado di rilevare e gestire la presenza di pentole di diverse dimensioni nella stessa area garantendo la massima flessibilità. VariCook, invece, permette di spostare pentole e padelle senza toccare i comandi grazie ai tre livelli di potenza preimpostati (alto, medio e basso), dando la possibilità di cuocere i cibi a diversa potenza nelle diverse fasi di cottura.

La connettività debutta sulle cantinette

La lunga lista di novità di Haier si chiude con la prima generazione di cantinette connesse Mono Zone e Double Zone. Il sistema di controllo dell’umidità permette di mantenerla nella soglia 50-70% grazie a un flusso d’aria naturale. Inoltre, la protezione dalle vibrazioni esterne, l’utilizzo di luci Led e la porta anti-UV servono a mantenere la conservazione ottimale e il livello corretto di illuminazione.

Innovazioni che si integrano con un design studiato in ogni dettaglio, dalla scelta dei materiali – con le eleganti doghe in legno e la porta interamente vetrata – allo stile moderno e ricercato per fornire un prodotto in grado di soddisfare i consumatori più esigenti, per i quali Haier ha studiato una serie di nuove ed esclusive funzionalità rese possibili dalla connettività, trasferita per la prima volta sulla gamma dei wine cooler.

Il segreto della nuova gamam è l’app Hon che permette di accedere a una serie di funzioni in grado di trasformare il wine cooler di casa in una vera e propria “Connected Wine Bank”. La versione Double Zone offre la funzione esclusiva di abbinare lo smartphone per gestire la temperatura delle due zone del wine cooler da remoto. Ci sono anche ai suggerimenti forniti da Hon in base al tipo di vini presenti e a una serie di programmi preimpostati in funzione del tipo di vino da conservare.

Infine, la partnership con Vivino arricchisce Hon della possibiltà di identificare e catalogare i vini con una semplice scansione dell’etichetta. Mentre la profilazione dell’utente è utile per fornire consigli utili e suggerire accoppiamenti con i cibi in base ai gusti e ai vini a disposizione.