SHADOW OF NINJIA
SHADOW OF NINJA

Huawei Pura 70 ha chipset Kirin 9010 (7 nm), evoluzione di quello del Mate 60

La nuova generazione flagship di Huawei Pura 70 (che ha cambiato nome da “P” a “Pura) è dotata del chipset più avanzato finora prodotto dal brand e derivato da quello presente sul Mate 60, presentato a fine 2023 e che ha fatto scalpore in Cina tanto da diventare uno dei device più venduti nel mercato locale. Questa scelta di utilizzare sostanzialmente il medesimo chipset del Mate 60 sul Pura 70, per quanto migliorato, dimostra la capacità di Huawei di sostenere la produzione a volumi elevati del controverso chip.

La serie Pura 70 di Huawei presentata la scorsa settimana dispone del chipset Kirin 9010, come ha scoperto TechInsights smontando il dispositivo. Si tratta di una versione più recente del Kirin 9000 realizzata da Semiconductor Manufacturing International Corp. (Smic) per il Mate 60 Pro, che ha allarmato i funzionari di Washington che ritenevano un chip da 7 nanometri oltre le capacità della Cina. TechInsights, che è stato il primo a identificare gli originali 9000 in collaborazione con Bloomberg News, ha affermato di aver scoperto “con grande sicurezza” che il Pura conteneva un Huawei Kirin 9010 fabbricato utilizzando il cosiddetto processo N+2 a 7 nm di Smic, una versione migliorata del tipico processo di produzione a 7 nm.

Screenshot

Huawei ha goduto di una rinascita dal debutto del Mate in agosto, cavalcando un’ondata di festeggiamenti per la sua capacità di realizzare sofisticate produzioni di semiconduttori nonostante i crescenti limiti alle esportazioni di tecnologia statunitense. La serie Pura 70 è andata esaurita in due giorni dal lancio in Cina, secondo i controlli di mercato condotti dagli analisti di Jefferies guidati da Edison Lee. I funzionari statunitensi stanno ora valutando ulteriori sanzioni intese a delimitare la società e le ambizioni della Cina nel settore dei semiconduttori più in generale.

Precedentemente nota come serie P, la linea Pura è stata tradizionalmente venduta in base alle capacità della fotocamera. Offrire ai consumatori cinesi una nuova opzione di fascia alta potrebbe permettere a Huawei di esercitare ulteriori pressioni sull’iPhone, il cui aggiornamento non è previsto fino a settembre. Huawei probabilmente vedrà ulteriori guadagni di quote di mercato in vista del festival delle vendite del 18 giugno, sostiene Jefferies.

Per Huawei si tratta di un altro passo verso la ricostruzione di un business consumer devastato dalle sanzioni dell’era Trump e poi sostenuto ampiamente dalla presidenza Biden. La società è stata più o meno alla pari con Apple in termini di quota di mercato cinese nel primo trimestre del 2024, sottolineando che nel tempo ha costantemente eroso la market share cinese del produttore di iPhone in pochi mesi. Ora si attende il debutto della gamma Huawei Pura 70 anche nei Paesi fuori dalla Cina.

SHADOW OF NINJA
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
LEXAR
SUBSONIC