PURO
PURO

Huawei ha trovato il modo di realizzare chip avanzati, nonostante il ban degli Stati Uniti

Huawei e un partner segreto produttore di chip in Cina hanno depositato brevetti per un metodo a bassa tecnologia ma potenzialmente efficace per realizzare semiconduttori avanzati, aumentando la prospettiva che la Cina possa migliorare le tecniche di produzione di chip nonostante gli sforzi degli Stati Uniti per fermare i suoi progressi. Le aziende stanno sviluppando tecnologie che coinvolgono il modello quadruplo autoallineato, o SAQP, e dovrebbero ridurre la loro dipendenza dalla litografia di fascia alta, secondo i brevetti depositati presso l’autorità cinese per la proprietà intellettuale. Ciò potrebbe consentire a Huawei di produrre chip avanzati senza l’attrezzatura all’avanguardia per la litografia a raggi ultravioletti estremi (EUV) di ASML. Quest’ultima azienda con sede nei Paesi Bassi è l’unico fornitore di macchine EUV, ma non può venderle in Cina a causa dei controlli sulle esportazioni.

Il quadruplo patterning è una tecnica per incidere più volte i wafer di silicio al fine di aumentare la densità dei transistor e quindi le prestazioni. La domanda di brevetto di Huawei, avanzata nelle scorse ore, descrive un metodo che utilizza la tecnologia per realizzare semiconduttori più sofisticati. “L’adozione di questo brevetto aumenterà la libertà di progettazione dei modelli di circuiti”, si legge nella domanda presentata all’Amministrazione nazionale cinese per la proprietà intellettuale.

SiCarrier, uno sviluppatore di apparecchiature per la produzione di chip sostenuto dallo stato che collabora con Huawei, ha ottenuto un brevetto che coinvolge SAQP alla fine del 2023. Il suo brevetto utilizza la litografia ultravioletta profonda, o DUV, macchine per la produzione di chip e la tecnologia SAQP per raggiungere determinate soglie tecniche fino a 5 nm. La pratica può evitare l’uso di macchine EUV riducendo al tempo stesso i costi di produzione.

La tecnologia del quadruplo pattern è sufficiente per consentire alla Cina di produrre chip a 5 nm, ma la Cina ha ancora bisogno di mettere le mani sulle macchine EUV a lungo termine, secondo Dan Hutcheson , vicepresidente della società di ricerca TechInsights: “Può essere un mitigante, ma non supera completamente i problemi tecnici legati alla mancanza di EUV”. I principali produttori di chip come Tsmc utilizzano macchine EUV per produrre chip avanzati perché hanno i rendimenti di produzione più elevati, il che significa che il costo per chip è ridotto al minimo. Se Huawei e i suoi partner utilizzassero metodi alternativi per la produzione di semiconduttori, il costo per chip potrebbe essere superiore agli standard del settore.

I chip più avanzati attualmente in produzione commerciale utilizzano la tecnologia a 3 nm, compresi i chip che la stessa Tsmc produce per aziende del calibro di Apple. La Cina è attualmente in grado di produrre chip a 7 nm, con due generazioni di ritardo, ma il passaggio a 5 nm la metterebbe solo una generazione indietro rispetto al leader globali. Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno restringendo da anni l’accesso della Cina ai semiconduttori e alle attrezzature per la produzione di chip, con l’amministrazione Biden pronta a sostenere che tali controlli sono necessari per la sicurezza nazionale (degli Stati Uniti, ovviamente). Ciò include il divieto di esportazione delle macchine per la produzione di chip EUV di ASML e dei processori grafici più potenti di Nvidia, utilizzati per l’addestramento dei servizi di intelligenza artificiale.

Ma le aziende cinesi stanno investendo miliardi per sviluppare in proprio le capacità nazionali di produzione di chip e Huawei ha presentato lo scorso anno uno smartphone rivoluzionario alimentato da un avanzato processore da 7 nm. Ciò suggerisce che il settore tecnologico del Paese sta facendo progressi nonostante gli sforzi di Stati Uniti, Paesi Bassi e Giappone. In risposta, l’amministrazione Biden sta cercando ulteriori mezzi per contenere i progressi della Cina. Sta spingendo alleati come la Corea del Sud e la Germania affinché si uniscano allo sforzo e sta valutando la possibilità di inserire nella lista nera ancora più aziende cinesi di chip legate a Huawei, inclusa SiCarrier.

Un gruppo di produttori cinesi di apparecchiature per chip, tra cui Naura Technology Group e Advanced Micro-Fabrication Equipment, stanno anche cercando di integrare la tecnologia di modellazione multipla con sistemi di incisione per produrre chip da 7 nm o più avanzati perché gli EUV sono fuori portata, secondo un promemoria scritto dagli analisti di Citigroup, tra cui Jamie Wang e Kevin Chen. “Le aziende cinesi di semiconduttori ricorrono principalmente al SAQP per produrre chip avanzati, che potrebbero aumentare la densità delle macchine per incisione in Cina”, si legge nella nota. Quest’anno Pechino ha dato il suo pieno appoggio ai più importanti fornitori nazionali di attrezzature per la produzione di chip. Questo mese, il premier Li Qiang ha visitato gli uffici di Naura Technology in un tour personale ampiamente pubblicizzato, solitamente orchestrato per segnalare il sostegno del governo centrale.

PURO
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
MYSTERY BOX
SUBSONIC