NIKON
NIKON

Honor si prepara alla quotazione in Borsa

Honor ha iniziato i preparativi per un’offerta pubblica iniziale, quindi per il debutto in Borsa, tre anni dopo essere stato scorporato come azienda indipendente da Huawei. Così riferisce Bloomberg. A testimonianza delle ambizioni del brand e della crescente diffusione dei suoi device. La società con sede a Shenzhen adatterà la composizione del suo consiglio per soddisfare gli standard di diversità per una società quotata in Borsa, ha scritto l’azienda in una nota senza specificare una tempistica o una roadmap per il suo debutto come public company. Honor è di proprietà della maggioranza di un consorzio sostenuto dal governo locale di Shenzhen e annovera tra i suoi sostenitori il produttore di display BOE Technology.

Gran parte dei dipendenti di Honor hanno lasciato Huawei nel 2020, quando il brand, precedentemente focalizzato sul segmento più giovane del mercato consumer, è stato scorporato. La mossa ha permesso a Honor di sfuggire alle sanzioni commerciali imposte dagli Stati Uniti a Huawei e ora quella che era la società più piccola sta diventando un gigante del mercato, sia sulla scia dell’eredità di Huawei, sia proponendo prodotti di altissima qualità forti anche della partnership con Qualcomm. Il tutto proponendo Android al completo, grazie all’accordo con Google.

Negli ultimi mesi, Honor è riuscita a competere ad armi pari con tutti i competitor: secondo i dati di Idc, ha guidato il mercato cinese nel terzo trimestre con una quota del 19,3%. L’azienda ha aumentato significativamente le vendite all’estero nel 2023 e cercherà di sostenere lo slancio mentre sia il mercato cinese sia in quello globale degli smartphone iniziano a riprendersi da una crisi prolungata. In Italia l’azienda ha una market share intorno al 5% (triplicata da inizio anno), a ulteriore conferma delle ambizioni di Honor. Secondo Counterpoint Research, la Cina ha registrato un aumento dell’11% nelle vendite di smartphone in ottobre grazie alla propensione dei consumatori ad acquistare brand nazionali.

Per commentare questo articolo e altri contenuti di igizmo.it, visita la nostra pagina Facebook o il nostro feed Twitter.

Articolo correlato
Autore correlato