NIKON
NIKON

Electrolux si pone un nuovo obiettivo climatico “science based”

Electrolux Group ha annunciato di avere fissato un nuovo obiettivo climatico basato su dati scientifici per ridurre le emissioni di gas serra provenienti dai prodotti e dalle attività industriali, a sostegno dell’accordo sul clima di Parigi. Il nuovo obiettivo arriva dopo che il Gruppo ha raggiunto il suo precedente obiettivo basato su dati scientifici con tre anni di anticipo rispetto al piano.

“Siamo molto orgogliosi che il nostro secondo obiettivo climatico basato su dati scientifici sia stato approvato alla fine del 2023 dalla Science Based Targets initiative, dopo aver raggiunto il nostro primo obiettivo “science based” nel 2023 con tre anni di anticipo rispetto al piano. Siamo focalizzati nel mantenere il nostro slancio per guidare l’azione a favore del clima lungo tutta la nostra catena di valore”, afferma Jonas Samuelson, CEO di Electrolux Group.

Il nuovo obiettivo mira a ridurre le emissioni dirette e indirette dell’azienda derivanti dalle proprie attività industriali (scope 1 e 2) dell’85% e le emissioni complessive derivanti dall’utilizzo dei prodotti venduti, materiali, trasporto di prodotti e viaggi di lavoro (scope 3) del 42% tra il 2021 e il 2030. L’obiettivo è allineato all’accordo sul clima di Parigi, che mira a mantenere l’aumento della temperatura globale entro gli 1,5°C in questo secolo, per evitare gli impatti più gravi del cambiamento climatico. Electrolux Group è stato una delle prime 100 aziende al mondo a fissare un obiettivo climatico ambizioso approvato dalla Science Based Targets initiative nel 2018. Con il nuovo obiettivo scope 1 e 2, il Gruppo raggiungerà una riduzione delle emissioni dalle proprie attività industriali del 97% entro il 2030 rispetto al 2015.

“Il nuovo obiettivo, basato su dati scientifici, ci porterà ad avvicinarci alle zero emissioni dalle attività industriali entro il 2030, nonostante le difficili prospettive economiche globali e alcuni processi produttivi che devono essere gestiti insieme ai nostri fornitori”, spiega Elena Breda, Chief Technology and Sustainability Officer di Electrolux Group. “Poiché circa l’85% dell’impatto climatico globale di un elettrodomestico è generato nella fase di utilizzo, l’offerta di prodotti efficienti dal punto di vista delle risorse e dell’energia è l’ambito in cui possiamo avere il maggiore impatto positivo sul clima e il nostro obiettivo scope 3 sostiene il nostro lavoro in tal senso”, conclude Breda.

La Science Based Targets initiative (SBTi) è un organismo globale che consente alle aziende di fissare obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni in linea con le più recenti conoscenze scientifiche sul clima. Si impegna nel supportare le aziende di tutto il mondo a dimezzare le emissioni entro il 2030 e a raggiungere zero emissioni nette entro il 2050. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra CDP, United Nations Global Compact, World Resources Institute (WRI) e World Wide Fund for Nature (WWF) ed è uno degli impegni della We Mean Business Coalition. L’SBTi definisce e promuove le migliori pratiche nella definizione di obiettivi basati sulla scienza, offre risorse e indicazioni per ridurre gli ostacoli alla loro adozione e valuta e approva in modo indipendente gli obiettivi delle aziende.

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC