Disney+: tutti i dettagli del servizio di streaming della casa di Topolino
Samsung pc

Il primo trimestre dell’anno fiscale 2022 regala alla major Disney (e il titolo viene premiato dalla borsa americana) risultati superiori alle attese. Tanto da battere le stesse previsioni degli analisti. Ne deriva pertanto che il colosso dell’entertainment ha incamerato un fatturato di 21,82 miliardi di dollari, contro i 20,91 stimati. Ma far segnare un incremento di portata significativa la crescita del numero di abbonati a Dinsey+, il servizio di streaming di film e serie. È stata raggiunta la soglia di 129,8 milioni (rispetto ai 125,75 milioni attesi, secondo l’outlook di StreetAccount). D’accordo: il leader di mercato Netflix continua a veleggiare a quota 22 milioni di sottoscrittori. Tuttavia, il quadro che si sta profilando alla velocità della luce merita un approfondimento.

Disney+ una progressione continua

Quando la major aveva deciso nel 2019 di lanciare il servizio Disney+ (forse con un eccesso di cautela) aveva previsto di raggiungere per il 2024 tra i 60 e i 90 milioni di abbonati su scala mondiale. Indubbiamente, la pandemia e i lockdown hanno stravolto tutto il quadro e accelerato (il discorso vale per tutti i player) lo spostamento verso lo streaming da parte dei consumatori. A inizio 2021 gli abbondati a Disney+ erano quasi 95 milioni: come a dire che i dodici mesi dell’anno passato hanno impresso un passo non meno poderoso dei precedenti. Un’ultima nota: i quasi 130 milioni di abbonati si riferiscono solo alla piattaforma Disney+: se a questa si aggiungono le performance delle altre realtà di streaming che fanno capo al colosso entertainment (vale a dire sul mercato Usa ESPN+ e Hulu) il dato complessivo supera i 196 milioni di abbonati. Capitolo finale dedicato ai parchi a tema Disney. Che, dopo le incredibili sofferenze dovute alla pandemia, hanno suonato la carica e portato a casa una rilevante riscossa. I numeri parlano di vendite che hanno generato 7,2 miliardi, (il doppio dell’anno precedente) pesando dunque per un terzo sul volume d’affari complessivo.