eu big tech telco igizmo
Nintendo

L’organo esecutivo dell’Unione europea avvierà una consultazione all’inizio del prossimo anno per stabilire se i giganti della tecnologia (Big Tech) debbano sostenere alcuni dei costi della rete di telecomunicazioni europea, ha affermato venerdì il Commissario per il mercato interno e i servizi dell’UE Thierry Breton.

Gli operatori di telecomunicazioni europei hanno a lungo esercitato pressioni per un contributo finanziario dalle Big Tech statunitensi come Google di Alphabet, Facebook di Meta e Netflix, affermando che utilizzano una parte enorme del traffico Internet. “Dobbiamo anche verificare se il regolamento è adattato con i ‘GAFA’ (Google, Apple, Facebook, Amazon), ad esempio, che utilizzano la larghezza di banda (fornita da) operatori di telecomunicazioni”, ha detto Breton ai giornalisti, parlando in francese. GAFA è l’acronimo francese per designare le più grandi aziende tecnologiche statunitensi, inclusa Netflix.

Breton ha affermato che questo particolare problema, o la cosiddetta “quota equa” potenziale delle società tecnologiche statunitensi nel finanziamento delle telecomunicazioni e delle infrastrutture Internet europee, farà parte di un’ampia consultazione che comporterà il metaverso: gli ambienti condivisi del mondo virtuale che le persone possono accedere tramite Internet.

ETNO, la lobby europea per gli operatori di telecomunicazioni, ha spiegato in un rapporto di maggio che oltre la metà del traffico di rete globale è attribuibile a sei aziende: Google, Facebook, Netflix, Apple, Amazon e Microsoft. Queste aziende hanno detto che l’introduzione di qualsiasi nuovo contributo finanziario metterebbe in discussione la “neutralità della rete”, o il principio secondo cui i fornitori di servizi Internet dovrebbero consentire l’accesso a tutti i contenuti e le applicazioni indipendentemente dalla loro fonte.

I provider di Internet, da parte loro, hanno affermato che queste società hanno interessi contrastanti fornendo servizi competitivi come servizi voce e TV e sfruttando la loro rete, agendo come free rider. Breton ha detto che la consultazione sarà avviata nel primo trimestre del 2023 e richiederà da cinque a sei mesi. Le proposte della Commissione Ue seguiranno, ha detto.

Nove legislatori al Parlamento europeo hanno redatto una lettera da inviare alla presidente della Commissione Ursula Von der Leyen, a Breton e al capo digitale dell’UE Margrethe Vestager esortandoli a garantire che le aziende che generano il traffico maggiore sull’infrastruttura di rete contribuiscano in modo equo e proporzionato a i costi.

I legislatori, tra cui Andreas Schwab, Stephanie Yon-Courtin e Paul Tang, hanno anche affermato che le nuove misure dovrebbero essere coerenti con i principi dell’Open Internet Regulation, riferendosi alle regole di neutralità della rete del blocco che garantiscono che i fornitori di servizi Internet (ISP) non possano bloccare o limitare il traffico per dare priorità ad alcuni servizi. “Questo contributo più equo non dovrebbe essere discriminatorio nei confronti di aziende specifiche, ma riflettere il ruolo e l’impatto di coloro che generano la maggior parte del traffico nella rete”, hanno affermato nella lettera vista da Reuters.