NIKON
NIKON

Come Apple ha fondato la sua fortuna sulle ceneri di Lisa: il documentario su iGizmo.it

Merito al sito The Verge di avere contribuito a realizzare il documentario di come Apple ha sotterrato (letteralmente) i computer Lisa rimasti invenduti. Su questa montagna di rifiuti Steve Jobs ha costruito la fortuna della Mela morsicata. Come? È tutto spiegato in questo documentario e nelle righe che seguono.

Tutto parte da un redattore di The Verge e da una troupe video che hanno iniziato a vagare su una montagna di immondizia innevata a Logan, nello Utah (Stati Uniti). La discarica nel pieno dell’inverno è stata un vero e proprio pugno di ferro, anche se il freddo probabilmente ha aiutato un po’ con l’odore. Ma la discarica conteneva un pezzo di un puzzle che assillava The Verge da mesi: il destino del Lisa, il fallimento più iconico di Apple.  

Nel settembre 1989, secondo un articolo di notizie, Apple seppellì circa 2.700 computer Lisa invenduti a Logan. Il Lisa è stato rilasciato nel 1983 ed è stata la prima pugnalata di Apple a un computer veramente moderno e graficamente guidato: aveva un mouse, finestre, icone, menu e altre cose che tutti ci aspettiamo da desktop “user-friendly” . Aveva quelle caratteristiche un anno intero prima del rilascio del Macintosh. Era anche condannato.

“Il Lisa è stato il primo computer là fuori… che non dovevi lottare con un grande manuale di computer o persino assumere un consulente per usarlo”, ha spiegato il giornalista esperto di tecnologia Steven Levy in una recente intervista. “Potresti capirlo fuori dagli schemi e iniziare a usarlo.” Ma il Lisa notoriamente aveva un prezzo di 10.000 dollari e alcuni problemi hardware, ed è stato oscurato dall’imminente Mac più economico. Anche scontato, aggiornato e ribattezzato Macintosh XL, è sopravvissuto a due miseri anni ed è stato abbandonato nel 1985. 

Cosa era successo al Lisa tra la sua interruzione nel 1985 e la sua scomparsa definitiva nel 1989? Perché Apple ha scelto di distruggere fino all’ultimo dei Lisa? E perché è successo tutto questo nello Utah? Quell’articolo offriva una manciata di dettagli curiosi, sufficienti per motivarci ad andare da Logan e capire cosa è realmente accaduto più di 30 anni fa.

Discarica di Logan

Sfortunatamente, quando il team è arrivato in cima al Monte Lisa è stato fin da subito chiaro che la resurrezione dello storico modello di Apple era impossibile. Dalle scritte che invitavano ad abbandonare la zona, fino alle movimentazioni poco carine sul materiale presente. Il team ha provato a capire dove fossero i resti di Lisa, la risposta è stata questa: “Ha indicato le profondità della collina. Il 1989, ha detto, era ‘molto in basso’. E anche se li avessimo trovati, i rapporti suggerivano che i lavoratori delle discariche avevano investito i computer con i bulldozer prima di farli cadere nel terreno”.

Scrive The Verge: “Dove si trovavano i Lisa, chiaramente, era molto fuori dalla nostra portata. Quindi, invece, ci siamo concentrati su come e perché . Alcune persone a conoscenza dell’incidente vivevano ancora intorno a Logan, anche se trovarle ha riportato a casa quanto tempo è passato dal 1989. Il giornalista che ha scritto l’articolo originale è ora un acclamato romanziere rosa. Il photo editor, altro testimone oculare della sepoltura, è un allevatore e casaro in pensione. Li abbiamo intervistati entrambi, ed è per questo che questa storia sulla ricerca di computer vintage prevedeva un tour di una grotta di formaggio”. 

Ma il protagonista della storia degli ultimi Lisa è un ex venditore di computer di nome Bob Cook. A metà degli anni ’80, Bob era un rivenditore Apple che vide una nuova opportunità: i vecchi computer. Le prime generazioni di personal computer stavano diventando obsolete e Bob si mise in affari vendendole con uno sconto. Ha stretto accordi unici per accaparrarsi l’inventario vecchio, a volte usato, dalle mani di Apple in conto deposito: prima circa 3.500 computer Apple III nel 1985 e poi gli ultimi 7.000 Lisa un anno dopo. Nel processo, ha contribuito a inventare una nicchia completamente nuova nel settore dei computer.

Bob Cook esamina vecchi documenti
Bob Cook tiene in mano una sua vecchia fotografia

“I computer dovevano essere all’avanguardia, quindi nessuno pensava di vendere l’avanguardia dell’alta tecnologia”, ha detto con una risatina. Bob ha compilato una nuova sezione della storia del Lisa. Non aveva solo cercato di rivendere i computer, ma anche di migliorarli. Bob ha preso i Lisa rimanenti e ha applicato tutta la sua esperienza con i computer agli albori del settore. Stima di aver speso 200.000 dollari in ricerca e sviluppo, aggiornando sia l’hardware che il sistema operativo per essere più competitivo con i nuovi modelli di Mac come il Plus, a una frazione del prezzo. Fece così tanto lavoro che sentì che era necessario un nuovo battesimo. “Era qualcosa di diverso. Così l’abbiamo chiamata ‘Lisa Professional’”, ha detto.

Quindi perché alla fine Apple ha deciso di abbandonare Lisa? La risposta è nel documentario che trovate a inizio pagina e qui di seguito.  

NIKON
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
SHADOW NINJA
SUBSONIC