playit

Entra nel vivo la causa legale per il caso Fortnite intentata da Epic Games ad Apple. All’altezza del tredicesimo giorno di dibattimento cominciano a spuntare le cifre su cui ruota il “caso” destinato a fare comunque clamore. Ebbene: il colosso di Cupertino guidato da Tim Cook ha guadagnato guadagnare oltre 100 milioni di dollari tramite commissioni di Fortnite, a fronte di una spesa totale di un solo milione di dollari.

Una commissione da 100 milioni di dollari

Insomma, una cifra notevole, ancorché inferiore (e di parecchio) rispetto a quanto indicato dalla società di analisi Sensor Tower, la quale aveva calcolato in 1,2 miliardi di dollari i guadagni per Fortnite su iOS, che pertanto avrebbero generato una commissione di oltre 360 milioni a pannaggio della stessa Apple. In ogni caso, la fonte di questa informazione – che ha fatto felici i componenti il collegio legale di Epic Games – è Michael Schmid, head of game business presso Apple. Non solo: ha ribadito che tra le due compagnie si è progressivamente stabilito un legame molto forte, praticamente quotidiano, a riprova di una collaborazione sempre più stretta e fattiva, anche per la soluzione di eventuali problematiche ingegneristiche.

Fortnite: Epic e l’accusa nei confronti di Apple

La causa intentata presso il tribunale della California da Epic Games – produttore del fortunato videogioco Fortnite che continua a spopolare tra i gamer più giovani con oltre 350 milioni di giocatori –  si fonda su l’accusa di “monopolio illegale”. Secondo Epic Games con lo store installato su iPhone e iPad – l’unico mezzo per poter scaricare app sui questi device – Apple imporrebbe restrizioni irragionevoli e illegali per monopolizzare il mercato delle app. Non solo: impedirebbe agli sviluppatori software di raggiungere più dispositivi possibili a meno che non passino attraverso un unico negozio controllato da Apple stessa. Che a sua volta chiede una commissione che oscilla tra il 15% e il 30% sugli acquisti effettuati all’interno dello Store. Vale la pena ricordare che negli scorsi mesi Epic Games, che con Fortnite guadagna anche sugli acquisti in-app, ha creato un sistema alternativo di pagamento. Questa è la ragione per la quale Fortnite è stato espulso dall’App Store.