PANASONIC LUMIX

Assassin’s Creed: Mirage, il nuovo capitolo della saga firmata dal publisher francese Ubisoft, sarà lanciato il prossimo 12 ottobre. Il videogioco (qui il trailer) è disponibile per il pre-ordine su Ps5, Ps4, Xbox Series X|S, Xbox One e Amazon Luna, oltre che su Pc Windows tramite Epic Games Store e Ubisoft Store. E chi lo farà potrà ricevere nel giorno di lancio un’esclusiva missione bonus che si chiama I quaranta ladroni per scoprire i misteri della leggendaria grotta di Ali Baba.

Assassin’s Creed Mirage, la storia

Assassin’s Creed Mirage è una sorta di un omaggio alla serie e uno speciale tributo al primo capitolo e invita i a immergersi nella Baghdad del IX secolo all’apice della sua Età dell’Oro. CXi sarà da vestire i panni di Basim Ibn Is’haq, un giovane ladro dal passato misterioso che si unisce agli Occulti di Alamut in cerca di risposte. Il videogioco di Ubisoft rivisiterà, dunque, in chiave moderna. gli elementi di gioco del parkour, della furtività e degli assassinii che hanno definito il franchise per oltre quindici anni.

Ubisoft, un anno fiscale 2023 da dimenticare

Ubisoft è reduce da un autentico annus horribilis. I dati di chiusura dell’anno fiscale allo scorso 31 marzo 2023 hanno fatto registrare (come anticipato già in chiusura del 2022) una perdita rilevante per un ammontare di 585 milioni di euro. Il gruppo francese guidato da Yves Guillemot ha incamerato vendite per 1,81 miliardi di euro, in flessione del 14,6% sull’anno precedente. L’andamento decisamente sottotono dei titoli (pochi in realtà lanciati) hanno pesato, mentre le prenotazioni relative agli acquisti in-game, ai DLC e ad altri pagamenti ricorrenti hanno raggiunto il miliardo di euro, con un aumento del 23,3% rispetto all’anno precedente. Gli Stati Uniti cubano il 50% del volume delle entrate con l’Europa al 32%, mentre il 40% dei ricavi è derivato da prodotti per console. Da evidenziare che a pesare (al di là delle performance deludenti soprattutto legate a Mario + Rabbids Sparks of Hope e Just Dance 2023) è da attribuire a evidenti rallentamenti nella fase di sviluppo e di lancio di nove Ip, leggi alla voce Skull and Bones, che è stato rimandato per la primavera del 2024. Il publisher ha annunciato anche una riorganizzazione pesante per un risparmio di 200 milioni di euro che ha determinato la chiusura di alcune filiali dirette, Italia inclusa. Nei conti di Ubisoft, il segmento del business mobile è quello che ha incamerato la crescita maggiore con oltre il 30% di quota di mercato ed ecco spiegata la ragione per la quale la compagnia di Yves Guillemot ha deciso di focalizzare maggiormente le attività anche in direzione dei nuovi free-to-play, oltre che sull’introduzione dell’Intelligenza Artificiale nei processi di sviluppo. Ma è chiaro che dalla new release Assassin’s Creed Mirage, ennesimo capitolo di una saga così iconica, le aspettative siano importanti. Il titolo in borsa, a Parigi, era scivolato a 20 euro per azione. C’è stato un recupero nell’ultimo periodo che ha assestato il valore dell’azione intorno ai 25 euro. Se si considera che a gennaio 2022 fa il suo valore era ancorato intorno ai 50 euro, per Ubisoft la ripartenza – alla ricerca della riscossa – si annuncia sufficientemente intensa…