OTL

Tim Cook ha inviato un’e-mail ai dipendenti parlando dell’invasione della Russia in Ucraina e elencando le azioni che Apple ha intrapreso in reazione agli eventi delle ultime due settimane. Il messaggio che riportiamo qui di seguito in modo integrale, spiega anche ai dipendenti che Apple raddoppierà con un rapporto “2 a 1 (2:1)” le donazioni che elargiscono a determinati fondi di soccorso e lo farà retroattivamente per le donazioni effettuate a partire dal 25 febbraio.

Una copia di questa e-mail inviata da Tim Cook, ceo di Apple, è stata ottenuta da The Verge e la riportiamo di seguito:

Volevo prendermi un momento per affrontare la crisi in corso in Ucraina.

So di parlare a nome di tutti in Apple nell’esprimere la nostra preoccupazione per tutti coloro che sono stati colpiti dalla violenza. Con ogni nuova immagine di famiglie che fuggono dalle loro case e cittadini coraggiosi che combattono per la propria vita, vediamo quanto sia importante per le persone in tutto il mondo unirsi per portare avanti la causa della pace.

Apple sta donando agli aiuti umanitari e fornisce aiuti per la crisi dei rifugiati in corso. Stiamo anche lavorando con i partner per valutare cosa possiamo fare di più. So che anche molti di voi sono ansiosi di trovare modi per sostenere e vogliamo contribuire ad amplificare l’impatto delle vostre donazioni. A partire da oggi, Apple abbinerà le tue donazioni a un rapporto di 2:1 per le organizzazioni idonee e lo renderemo retroattivo per le donazioni a tali organizzazioni dal 25 febbraio. Visita il Portale delle donazioni dei dipendenti per saperne di più.

Stiamo lavorando per supportare i nostri team in Ucraina e in tutta la regione. In Ucraina, siamo stati in contatto con tutti i dipendenti, assistendoli e le loro famiglie in ogni modo possibile. Per i membri del nostro team ucraino situati al di fuori del paese che potrebbero aver bisogno di supporto, contattare [email redacted]. E per tutti i dipendenti che necessitano di supporto, visitare il sito Persone per le risorse disponibili.

Come azienda, stiamo intraprendendo anche ulteriori azioni. Abbiamo sospeso tutte le vendite di prodotti in Russia. La scorsa settimana abbiamo interrotto tutte le esportazioni nel nostro canale di vendita nel paese. Apple Pay e altri servizi sono stati limitati. RT News e Sputnik News non sono più disponibili per il download dall’App Store al di fuori della Russia. E abbiamo disabilitato sia il traffico che gli incidenti dal vivo in Apple Maps in Ucraina come misura di sicurezza e precauzione per i cittadini ucraini.

Continueremo a valutare la situazione e saremo in comunicazione con i governi competenti sulle azioni che stiamo intraprendendo.

Questo momento richiede unità, richiede coraggio e ci ricorda che non dobbiamo mai perdere di vista l’umanità che tutti condividiamo. In questi tempi difficili, mi conforto sapere che siamo uniti nel nostro impegno reciproco, verso i nostri utenti e nell’essere una forza per il bene nel mondo.

Come sottolinea Cook nella sua e-mail (e come Apple ha menzionato in dichiarazioni pubbliche), Apple ha intrapreso una serie di azioni in Russia e in Ucraina. Martedì ha annunciato che interromperà la vendita dei suoi prodotti in Russia. È inoltre limitata la condivisione dei dati di Apple Maps in Ucraina e l’utilizzo di Apple Pay in Russia.

Cook menziona anche che Apple è stata in contatto con “ogni dipendente” della sede in Ucraina e sta lavorando per aiutare loro e le loro famiglie. Internamente, alcuni dipendenti hanno discusso di intraprendere le procedure per permettere l’uscita delle loro famiglie dall’Ucraina.