apple iphone 14 pro 14 pro max igizmo
Nintendo

Francisco Jeronimo ha la carica di vice president, Data & Analytics di IDC Europe. Si è unito all’evento Yahoo Finance Live per discutere degli ultimi prodotti Apple e delle prospettive per la domanda di iPhone. Ecco la trascrizione delle sue parole, con le quale spiega perché iPhone 14 è destinato agli utenti che hanno acquistato un iPhone almeno da tre anni e consente ad Apple di tenere alto il ritmo di update e il ciclo di rinnovamento degli smartphone.

AKIKO FUJITA: Il nuovo iPhone 14 di Apple sta già affrontando alcuni bug. Gli utenti hanno segnalato che la fotocamera del 14 Pro si scuote quando si utilizzano determinate app. Questo perché più nuovo hardware, inclusa la nuova generazione di AirPods e Apple Watch, viene lanciato. Ma a parte questo, torniamo all’iPhone 14. Che aspetto ha questo ciclo di aggiornamento se si considera il prodotto stesso ma anche alcuni dei venti contrari che i consumatori devono affrontare, forse pensandoci due volte prima di spendere fino all’aggiornamento del proprio dispositivo?

FRANCISCO JERONIMO: In effetti, questa è una domanda molto interessante perché la realtà è che la maggior parte dei clienti è davvero preoccupata dal costo della vita, dall’inflazione e da molte altre preoccupazioni economiche. Ma la realtà è che il nuovo iPhone non si rivolge a coloro che hanno aggiornato l’anno scorso. Si rivolge a coloro che hanno effettuato l’upgrade tre, quattro, cinque anni fa. E sappiamo anche che la maggior parte di quei clienti sta scambiando i loro telefoni precedenti, ottenendo quindi uno sconto molto interessante per quello nuovo. E stanno acquistando i telefoni con uno schema di finanziamento in cui li pagano a rate piuttosto che pagare un prezzo piuttosto alto quando acquistano quello nuovo. Quindi alla resa dei conti, sì, ci sono alcune preoccupazioni. Ma la maggior parte dei clienti e dei consumatori sta cercando di passare a qualcosa che funzioni molto meglio dello smartphone che ha acquistato quattro o cinque anni fa.

AKIKO FUJITA: Per questo ci sono diverse articolazioni di offerte e dilazioni e pagamenti rateali che consentono agli utenti di ottenere questo dispositivo in un modo più conveniente. Ma in termini di funzionalità stesse, vale la pena l’aggiornamento?

FRANCISCO JERONIMO: Beh, quando esce un nuovo telefono, ci sono sempre delle critiche su quanto sembra migliore il nuovo modello rispetto al precedente e se le funzionalità valgono o meno il prezzo. Ma quello che sappiamo anche è che la maggior parte di noi si affida sempre di più agli smartphone. Quindi avere buone fotocamere, buoni display, buone batterie, buona memoria sui telefoni, è fondamentale perché non si tratta solo di fare alcune telefonate o giocare con alcune app. Riguarda la nostra vita quotidiana e il nostro lavoro. Ed è per questo che la maggior parte dei consumatori in tutto il mondo si sta spostando verso dispositivi migliori, con prezzi più elevati perché sanno che devono pagare di più per un dispositivo che aiuta davvero le loro vite piuttosto che avere un dispositivo che si blocca continuamente. Ed è quello che stiamo vedendo è che la maggior parte dei consumatori esegue l’aggiornamento per dispositivi sempre migliori non solo da Apple ma anche da altri brand. Samsung affronta lo stesso tipo di opportunità, aumentando le vendite verso punti di prezzo più alti. E anche i giocatori cinesi spingono quei prezzi perché ciò che i consumatori vogliono davvero non è solo uno smartphone, è un telefono che aiuta davvero le loro vite.

AKIKO FUJITA: Un altro dispositivo che sta ottenendo ottime recensioni è l’AirPods 2 Pro. Che prende l’eredità di un prodotto che è stato davvero un grande successo per l’azienda. Quando guardi all’intera torta di Apple, quanto significativa è la fonte di entrate degli AirPods anche in prospettiva futura?

FRANCISCO JERONIMO: Sì, questa è davvero una grande opportunità per Apple. Solo per darti un numero specifico, Apple ha venduto oltre 328 milioni di AirPod dal lancio nel 2017. Ciò significa 63 miliardi di dollari di entrate. Questa è una grande opportunità per Apple. E stiamo solo grattando la superficie perché quello che stiamo vedendo è anche che la maggior parte degli utenti non ha ancora un auricolare wireless. E sappiamo tutti quanto sia conveniente passare da un auricolare cablato a un auricolare wireless. E questa è la transizione che sta facendo la maggior parte dei consumatori. E questa è l’opportunità che Apple ha avuto nei prossimi anni perché vediamo, nello spazio wearable, questa è stata la categoria più grande e quella che sta crescendo più velocemente a causa di questa transizione ai dispositivi wireless per comodità e quanto sia facile avere qualcosa alle orecchie invece di avere fili intorno. Quindi questa è sicuramente una grande opportunità per Apple. E stiamo vedendo, e stanno guidando questo spazio con una quota di mercato significativa e un business significativo. Torno al dato: 63 miliardi di dollari non sono una piccola impresa con una sola categoria.