dyson animali domestici
playit

Sono tanti gli italiani che, complice anche la pandemia, hanno deciso di adottare un animale domestico. Una compagnia insostituibile, ma che rappresenta sicuramente anche un elemento da non sottovalutare quando si tratta di mantenere la propria casa pulita. A offrire un quadro della situazione è Dyson, che tramite i risultati dello Studio Globale sulla Polvere, indaga abitudini e comportamenti di pulizia, approfondendo la consapevolezza di ciò che si nasconde nella polvere domestica e il potenziale impatto che questa può avere sul benessere delle persone. Lo studio, condotto su 32.282 intervistati in 33 Paesi – compresa l’Italia – rivela che il 60% degli italiani ha un animale domestico (rispetto alla media generale del 50%); di loro, il 62% ha un cane e il 52% ha un gatto.

Meno della metà degli intervistati italiani pone un limite ai movimenti dell’animale in casa (45% per i cani, 38% per i gatti). Per chi lo fa, le zone in cui i quattro zampe si muovono di più sono quelle comuni a tutti gli abitanti: salotto, cortile, cucina.

I gatti, inoltre, sono più facilmente accolti su letti e divani rispetto ai cani. Basti pensare che il 46% dei gatti italiani dorme sul letto del proprio padrone, contro solo il 29% dei cani – percentuale che scende fino al 16% o addirittura al 14% rispettivamente in Messico e Cina.

Venendo alla toelettatura degli animali domestici, quasi tutti i padroni intervistati a livello globale se ne occupano anche a casa. In Italia, il 40% dei gatti viene spazzolato almeno una volta a settimana, contro il 33% dei cani. Il motivo è principalmente quello dell’igiene, con gli italiani maggiormente interessati alla pulizia dell’animale in sé (47%) che non dell’animale e della casa al contempo (37%).

Da ultimo, sono purtroppo tanti i padroni che ignorano cosa si nasconde nel pelo dei propri amati compagni a 4 zampe – ad esempio, solo 1 italiano su 4 è consapevole che possa trasportare pollini (25%), virus (23%), residui di cibo (26%) e feci degli acari (27%). Maggiore consapevolezza invece su batteri (è il 46% a sapere che il pelo degli animali li può contenere), polvere e particelle di sabbia/terreno (40%) e acari (38%). Record negativo per Belgio, Spagna e Portogallo, dove è ben il 6% dei padroni intervistati a credere che il pelo non contenga nessuno di questi elementi.

“L’impatto degli animali domestici in casa va oltre quello che è visibile ai nostri occhi. Rimuovere efficacemente i peli degli animali domestici è importante, ma ci sono problemi invisibili a occhio nudo, come la forfora animale sporca di saliva,” spiega Monika Stuczen, ricercatrice Dyson in microbiologia. “Queste particelle microscopiche possono trasportare in giro per la casa le proteine che scatenano le allergie. Leggere e minuscole, possono rimanere sospese nell’aria per ore, o depositarsi sugli oggetti”.

Le nuove tecnologie Dyson per la raccolta dei peli di animali domestici

Per far fronte alle esigenze di pulizia di chi condivide la casa con un animale, Dyson ha rinnovato la propria gamma di aspirapolvere senza filo introducendo spazzole con tecnologia anti-groviglio (progettata per affrontare qualsiasi tipologia di peli e capelli), un accessorio per la toelettatura degli animali, una nuova spazzola delicata anti-graffio e una bocchetta a lancia per spazi ristretti – concepiti per una pulizia approfondita di tutta la casa.

Avanzata tecnologia anti-groviglio

È ora disponibile nell’intera gamma di aspirapolvere senza filo Dyson la nuova tecnologia anti-groviglio, progettata per affrontare qualsiasi tipologia di peli e capelli, sia quelli di cani e gatti, sia quelli degli esseri umani. Ispirata a un pettine districante, la spazzola è dotata di palette precisamente angolate per rimuovere automaticamente tutti i tipi di peli e capelli. I dentini in policarbonato, combinati con una serie di setole di nylon a spirale, filamenti in fibra di carbonio antistatica e una forte potenza di aspirazione, catturano e affrontano i grovigli più ostinati, così come i detriti più grandi e la polvere microscopica.

Accessorio per la tolettatura degli animali

L’innovativo accessorio Dyson per la toelettatura degli animali, progettato per rimuovere istantaneamente peli morti, forfora e microscopiche scaglie di pelle, è ora compatibile con la gamma Dyson senza filo.

Collegato direttamente al corpo principale del dispositivo o tramite un tubo flessibile, l’accessorio – che dispone di 364 setole angolate a 35° – si flette mentre si spazzola il proprio animale, penetrando nella pelliccia del cane per afferrare i peli morti, per una toelettatura veloce e confortevole.

Spazzola anti-graffio

Mentre gli strumenti tradizionali per spolverare dispongono di setole grossolane che spostano la polvere e potrebbero inavvertitamente graffiare le superfici, la nuova spazzola delicata anti-graffio di Dyson è dotata di 8.100 filamenti polimerici ultrafini e densamente imballati in polibutilene terftalato (PBT), un materiale ispirato ai pennelli da pittura e da trucco. Le setole sono affusolate a soli 0,05mm per evitare di graffiare le superfici delicate. La spazzola possiede una componente rotante che rimuove polvere e detriti dalle setole in modo igienico e facile.

Bocchetta a lancia per spazi ristretti

La nuova bocchetta a lancia Dyson per spazi ristretti si piega a 22°, poiché diversi prototipi testati ad angolazioni differenti hanno rivelato che questa è l’angolazione ottimale per pulire i luoghi più difficili da raggiungere in casa o in auto. Con una larghezza di soli 12,5 mm e 254 mm di raggio d’azione, è progettata per raggiungere e pulire in profondità gli spazi stretti. L’accessorio offre anche una spazzola secondaria da applicare sulla cima della bocchetta, per affrontare lo sporco più ostinato. Questi due nuovi accessori vanno a completare la gamma di 12 accessori Dyson per aspirapolvere, per fornire lo strumento giusto per ogni esigenza di pulizia.