Amazon
ims22

Amazon mira a offrire ai clienti la possibilità di far “parlare” Alexa, l’assistente vocale dell’azienda, proprio come una persona, che sia il possessore del device, la nonna, la figlia o chiunque altro. L’azienda sta sviluppando un sistema per consentire ad Alexa di imitare qualsiasi voce dopo aver ascoltato meno di un minuto di audio, ha detto Rohit Prasad, vicepresidente senior di Amazon, in una conferenza che l’azienda ha tenuto a Las Vegas. L’obiettivo è “far durare i ricordi” dopo che “così tanti di noi hanno perso qualcuno che amiamo” durante la pandemia, ha detto Prasad.

Amazon non ha ancora spiegato quali siano i piani di rilascio di questa funzione. Anche perché il lavoro di sviluppo si inoltra in un’area della tecnologia che nel corso degli anni è stata oggetto di un attento esame per potenziali benefici ma anche abusi. Per esempio, Microsoft ha recentemente limitato quali aziende potrebbero utilizzare il suo software per imitare le voci. L’obiettivo è aiutare le persone con problemi di linguaggio o altri problemi, ma alcuni temono che potrebbe anche essere usato per propagare deepfake politici.

Amazon si affida al fatto che il progetto di imitare la voce delle persone aiuterà Alexa a diventare onnipresente nella vita degli acquirenti. Ma l’attenzione del pubblico si è già spostata altrove. In Google un ingegnere ha fatto un’affermazione molto contestata secondo cui un chat bot aziendale era avanzato fino a essere senziente. Un altro dirigente di Amazon ha dichiarato che Alexa aveva 100 milioni di clienti in tutto il mondo, in linea con i dati forniti dall’azienda per le vendite di dispositivi da gennaio 2019.

Prasad ha affermato che l’obiettivo di Amazon per Alexa è “l’intelligenza generalizzabile”, ovvero la capacità di adattarsi agli ambienti degli utenti e apprendere nuovi concetti con pochi input esterni. Ha detto che l’obiettivo è “da non confondere con l’intelligenza generale onnisciente, onnicomprensiva e super artificiale” o AGI, che l’unità DeepMind di Alphabet e OpenAI co-fondatore di Elon Musk stanno cercando.

Amazon ha condiviso la visione del futuro di Alexa alla conferenza con un esempio pratico, un video. In questo c’era un bambino che chiedeva: “Alexa, la nonna può finire di leggermi il Mago di Oz?” Un attimo dopo, Alexa ha confermato l’ordine e ha cambiato voce. Parlava in modo rassicurante, meno robotico, apparentemente suonando come la nonna dell’individuo nella vita reale.