GAMESEAT

Amazon scommette sul green. A poche ore dall’atteso Prime Day dell’11 e 12 ottobre, il colosso e-commerce (come riportato da Reuters) ha predisposto un un investimento da 1 miliardo di dollari per triplicare nei prossimi cinque anni la sua flotta di furgoni elettrici, camion e hub di pacchi a basse emissioni in tutta Europa. Obiettivo duplice: da un lato accelerare la corsa verso la quota di zero emissioni nette di carbonio, dall’altro a incentivare l’innovazione nel settore dei trasporti per quel che concerne la creazione di maggiori infrastrutture pubbliche di ricarica per i veicoli elettrici.

Amazon fa strada ai veicoli elettrici

Amazon guarda al target di 10mila veicoli elettrici entro il prossimo anno 2025, facendo sapere che gli attuali 3mila hanno recapitato oltre 100 milioni di pacchi nel 2021. Parte di questa iniziativa Amazon è anche la speranza di acquistare più di 1.500 veicoli elettrici per il trasporto di merci pesanti – utilizzati per le spedizioni di “miglio intermedio” verso gli hub di confezionamento – nei prossimi anni. Un traguardo ambizioso per il gruppo di Seattle leader mondiale del commercio elettronico, che fa della logistica un cardine fondamentale per il proprio business. Al tempo stesso va ricordato che le disponibilità purtroppo risultano contingentate e al momento non in grado di soddisfare la domanda crescente. Ma non solo. Amazon ha sottolineato che intende investire anche sul versante dei caricabatterie nel Vecchio Continente. E, a completamento di questa strategia green, nei piani delineati è anche previsto il raddoppio della rete europea di hub di “micro-mobilità”. Questi sono collocati in posizione centrale per effettuare le consegne in bicicletta o anche a piedi e sono presenti al momento in 20 città.