NIKON
TOPPS

Altroconsumo: Netflix poco trasparente nelle tariffe. Segnalazione all’Antitrust

Sul sito di Altronconsumo è apparso un approfondimento interessante su Netflix e le sue pratiche commerciali, che proponiamo qui di seguito in forma integrale. Si intitola “Netflix: poca trasparenza sull’offerta commerciale. Altroconsumo ed Euroconsumers la segnalano all’Antistrust” e già nel sottotitolo si capisce il tono. Ovvero: “Tra i pacchetti della piattaforma digitale che non prevedono la pubblicità, al momento in cui scriviamo, l’abbonamento “Basic” è quello più economico: 7,99 euro al mese. Peccato però che, per come è impostata la pagina di sottoscrizione del sito di Netflix, trovarlo non sia per niente facile. Anzi, il sito lascia intendere che l’utente che vuole evitare la presenza di contenuti pubblicitari debba sottoscrivere un abbonamento Standard da 12,99 euro al mese. Per questo, Altroconsumo ed Euroconsumers hanno segnalato all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato questa pratica commerciale di Netflix”. L’articolo continua così.

Nonostante abbia costantemente aggiornato la propria offerta commerciale (arricchendola con film, documentari, serie tv ecc.), negli anni Netflix, una delle maggiori piattaforme mondiali di streaming, ha visto calare i propri utenti. Questo ha messo in crisi la società che è corsa a ripari prima bloccando la condivisione degli account al di fuori del nucleo domestico del singolo utente e ora prevedendo delle tariffe a costi più bassi ma con la presenza di pubblicità (pacchetto Standard with ads a 5,49 euro al mese).

Tra i pacchetti che, invece, non prevedono la pubblicità, al momento in cui scriviamo, l’abbonamento “Basic” è quello più economico. Peccato però che, per come è impostata la pagina di sottoscrizione del sito dell’azienda, trovarlo non sia per niente facile. Anzi, il sito lascia intendere che l’utente che vuole evitare la presenza di contenuti pubblicitari debba spendere come minimo 12,99 euro al mese.

Per questo motivo Altroconsumo ed Euroconsumers, network internazionale che riunisce cinque organizzazioni nazionali di consumatori tra cui Altroconsumo, hanno segnalato questa pratica commerciale di Netflix all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato chiedendo di valutarne i possibili profili di scorrettezza.

I piani tariffari: il più conveniente è nascosto

Per poter usufruire dei servizi streaming della piattaforma, l’utente deve sottoscrivere un abbonamento il cui importo varia a seconda delle caratteristiche dell’offerta: qualità del video, risoluzione, possibilità di scaricare i contenuti sul proprio dispositivo per guardarli offline, numero degli schermi che possono essere utilizzati simultaneamente.

La sottoscrizione può essere fatta tramite un’apposita pagina sul sito dell’azienda dove vengono presentati i diversi piani tariffari a confronto. Come si può vedere dalla foto sotto, le opzioni visibili per il consumatore sono tre: Standard with ads al costo di 5,49 euro al mese; Standard, al costo di 12,99 euro al mese; Premium al costo di 17,99 euro al mese.

La pagina che comprende anche il pacchetto Base

Il linguaggio utilizzato (“Scegli il piano più adatto a te”) e il modo in cui le opzioni sono presentate rendono inequivocabile che l’accesso ai servizi offerti da Netflix passi attraverso la sottoscrizione di uno dei tre piani tariffari di cui sopra e che, qualora il consumatore voglia evitare la presenza di pubblicità, l’alternativa più economica sia rappresentata dall’abbonamento Standard a 12,99 euro al mese (più del doppio rispetto all’opzione con la pubblicità).

In realtà non è così. L’utente che fosse interessato ad accedere a un’opzione priva di inserzioni pubblicitarie potrebbe farlo per soli 2,50 euro al mese in più rispetto al pacchetto Standard with ads (che costa 5,49 euro al mese) senza dover sottoscrivere l’abbonamento da 12,99 euro al mese previsto dal pacchetto Standard.

Infatti, facendo scorrere la pagina della sottoscrizione verso il basso e cliccando su un piccolo bottone in grigio, con la dicitura “Vedi tutti i piani” si apre un’altra schermata che mostra un altro piano tariffario: il Basic che non prevede pubblicità e che costa 7,99 euro al mese (cioè 5 euro in meno rispetto al pacchetto Standard). Inoltre, l’uso del plurale (“piani”) lascerebbe intendere la presenza di numerosi ulteriori piani di abbonamento che non risulterebbero mostrati subito esclusivamente per ragioni grafiche (ad es. per non rendere la pagina eccessivamente confusionaria) e, invece, cliccando sul bottone, il consumatore si trova davanti a una schermata che mostra un unico piano di abbonamento in più rispetto all’inizio.

Questa omissione informativa è idonea a spingere i consumatori, che sono interessati a un abbonamento senza contenuti pubblicitari, a sottoscrivere un’offerta più costosa di quella a cui accederebbero se fossero fornite loro tutte le informazioni del caso.

La pagina dei piani tariffari di Netflix

Le motivazioni della segnalazione all’Antitrust

Riteniamo che la piena trasparenza tariffaria sia un elemento fondamentale per evitare che il consumatore paghi di più per non essere stato messo nelle condizioni di conoscere subito tutti i differenti piani tariffari. La progettazione di un’interfaccia di un sito non deve essere idonea a falsare le decisioni di natura commerciale dei consumatori, attraverso l’utilizzo ad esempio di dark pattern vale a dire l’occultamento visivo di informazioni importanti o il loro ordinamento in modo da promuovere un’opzione specifica (per es. un pulsante molto visibile, un altro nascosto; un percorso molto lungo, un altro più breve).

Nel caso della piattaforma digitale, la condotta in esame può essere idonea a indurre in errore il consumatore medio circa le diverse opzioni di abbonamento esistenti, in tal modo incidendo in maniera significativa sulla sua libertà di scelta. Per queste ragioni, Euroconsumers e Altroconsumo chiedono all’AGCM di intervenire per verificare la condotta dell’azienda.

TOPPS
GAMEPEOPLE
DIFUZED
FIZZ
PALADONE
OTL
CROCKPOT
TOPPS
SUBSONIC