NIKON
NIKON

AGCM blocca il trasferimento dei clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank 

AGCM ha imposto l’interruzione del trasferimento da Intesa Sanpaolo alla banca digitale Isybank a tutela dei 2,4 milioni di clienti coinvolti nell’operazione. In questo modo i correntisti saranno messi in condizione di scegliere se mantenere il conto in Intesa Sanpaolo alle condizioni precedenti o transitare a Isybank. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha adottato un provvedimento cautelare nei confronti dei due istituti per impedire il passaggio alla banca digitale dei correntisti che non forniscano il proprio consenso espresso. Questa operazione al momento ha riguardato circa 300 mila clienti su un totale di 2,4 milioni che Intesa Sanpaolo intenderebbe trasferire a Isybank. Sono stati oltre 5.000 i consumatori (di cui più di 3.000 dopo l’avvio dell’istruttoria) che hanno chiesto l’intervento dell’Autorità.

AGCM: le ragioni dell’intervento su Intesa Sanpaolo-Isybank 

Per l’Autorità il trasferimento da Intesa Sanpaolo a Isybank è stato previsto con modalità non conformi alle disposizioni del Codice del Consumo, come riportato nella nota diffusa. Infatti, per effetto del trasferimento, i correntisti interessati non avrebbero potuto più accedere in filiale né all’internet banking tramite personal computer e avrebbero dovuto svolgere le operazioni bancarie solo tramite app. Inoltre, i nuovi conti correnti prevedono condizioni economiche differenti e la perdita di servizi prima disponibili (ad esempio: carte virtuali per effettuare acquisti online in sicurezza, assegni bancari, accesso ai contratti di mutuo). Tali essenziali modifiche dei contratti in precedenza stipulati sono state unilateralmente imposte senza che fosse stato richiesto il previo consenso dei clienti al trasferimento. Ma non solo. AGCM rileva che le comunicazioni relative al passaggio ad Isybank sono state trasmesse ai clienti nella sezione archivio dell’app di Intesa Sanpaolo senza adottare accorgimenti che ne sollecitassero la lettura (ad esempio, notifiche push e pop-up) e non lasciavano capire che in tal modo i clienti si sarebbero potuti opporre al passaggio. Infine, nelle comunicazioni non erano state adeguatamente indicate le modifiche relative alle condizioni economiche previste dal nuovo conto corrente e ai servizi non più inclusi.

Che cosa succederà

A fronte di questo, l’Autorità ha previsto che le due banche, previa informativa chiara ed esaustiva sulle caratteristiche del nuovo conto Isybank, assegnino ai correntisti un congruo termine per fornire il proprio consenso espresso al trasferimento. In tal modo, coloro che si dichiareranno contrari avranno la facoltà di mantenere il precedente conto corrente alle stesse condizioni. Entro 10 giorni Intesa Sanpaolo e Isybank dovranno comunicare all’Autorità le misure adottate per ottemperare al provvedimento cautelare.

Codici: lo stop dell’Antitrust a Intesa Sanpaolo e Isybank è un’altra vittoria dei consumatori

Dopo il passo indietro di Intesa Sanpaolo, il provvedimento cautelare dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Si tratta di un’altra vittoria per i consumatori coinvolti nel trasferimento forzoso ad Isybank e di chi, come l’associazione Codici, si è attivato per assisterli in un’operazione che presenta diverse criticità. “Il provvedimento cautelare adottato dall’Antitrust nei confronti di Intesa Sanpaolo ed Isybank è una notizia positiva – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e la accogliamo favorevolmente. Con l’interruzione disposta dall’Autorità per il trasferimento dei clienti alla banca digitale si mettono i correntisti nelle condizioni di scegliere se mantenere il proprio conto in Intesa Sanpaolo alle condizioni precedenti oppure passare ad Isybank. Attendiamo ora di conoscere le misure adottate dai due istituti per ottemperare al provvedimento cautelare. Nel frattempo, continueremo a monitorare la situazione, fornendo assistenza ai consumatori che, fin dall’inizio, meritavano un trattamento diverso”.

Come spiegato in una nota diramata dall’Antitrust, l’operazione al momento ha riguardato circa 300mila clienti su un totale di 2,4 milioni che Intesa Sanpaolo intenderebbe trasferire a Isybank, e sono stati oltre 5mila i consumatori che hanno chiesto l’intervento dell’Autorità, di cui più di 3mila dopo l’avvio dell’istruttoria. Per l’Autorità il trasferimento è stato previsto con modalità non conformi alle disposizioni del Codice del Consumo. Infatti, per effetto del trasferimento, i correntisti interessati non avrebbero potuto più accedere in filiale né all’internet banking tramite personal computer e avrebbero dovuto svolgere le operazioni bancarie solo tramite App. Inoltre, i nuovi conti correnti prevedono condizioni economiche differenti e la perdita di servizi prima disponibili, come ad esempio: carte virtuali per effettuare acquisti online in sicurezza, assegni bancari, accesso ai contratti di mutuo. Tali essenziali modifiche dei contratti in precedenza stipulati sono state unilateralmente imposte senza che fosse stato richiesto il previo consenso dei clienti al trasferimento. Inoltre, sempre stando ai rilievi dell’Antitrust, le comunicazioni relative al passaggio ad Isybank sono state trasmesse ai clienti nella sezione archivio dell’App di Intesa Sanpaolo senza adottare accorgimenti che ne sollecitassero la lettura, come ad esempio notifiche push e pop-up, e non lasciavano capire che in tal modo i clienti si sarebbero potuti opporre al passaggio. Infine, nelle comunicazioni non erano state adeguatamente indicate le modifiche relative alle condizioni economiche previste dal nuovo conto corrente e ai servizi non più inclusi. Pertanto, l’Autorità ha previsto che le due banche, previa informativa chiara ed esaustiva sulle caratteristiche del nuovo conto Isybank, assegnino ai correntisti un congruo termine per fornire il proprio consenso espresso al trasferimento. In tal modo, coloro che si dichiareranno contrari avranno la facoltà di mantenere il precedente conto corrente alle stesse condizioni.

L’associazione Codici sta seguendo la vicenda del passaggio da Intesa Sanpaolo a Isybank. I consumatori coinvolti nell’operazione possono richiedere assistenza al numero 065571996 o all’indirizzo e-mail segreteria.sportello@codici.org.

Per commentare questo articolo e altri contenuti di igizmo.it, visita la nostra pagina Facebook o il nostro feed Twitter.

Articolo correlato
Autore correlato