playit

Activison Blizzard sulle ali dei giochi per mobile. Lo ha rivelato la recente trimestrale. Nel periodo aprile – giugno i ricavi del publisher statunitense hanno toccato la soglia di 831 milioni di dollari contro i 332 milioni dai giochi Pc e i 376 milioni dai giochi console. Un valore elevatissimo, che ha cubato più del doppio aggregando le altre piattaforme. Il boom conseguito da Activision Blizzard sul versante dei device mobili è anche il frutto di operazioni “industriali” (come nel caso dell’acquisto di King per quasi 6 miliardi di dollari nel 2016) che stanno fornendo un significativo contributo, unitamente al successo conseguito dai principali franchise. Un esempio, in tal senso, è rappresentato da Diablo Immortal, che ha raggiunto la quota di 30 milioni di giocatori. Così come non è da trascurare la portata del business legato alle micro-transazioni nel mercato delle skin per i suoi principali franchise: Call of Duty, Overwatch e non solo.

Activision Blizzard e l’acquisizione di Microsoft

Activision Blizzard, come noto, a sua volta sotto acquisizione da parte Microsoft (entro il 30 giugno 2023 e in attesa della decisione della FCT statunitense) per un ammontare di 68,7 miliardi di dollari. La cifra è record. Il colosso di Redmond anche nella recente relazione trimestrale ha chiaramente confermato la sua intenzione di proseguire nel percorso di ampliamento e sviluppo del business in ambito gaming. Così come sta fronteggiando i dubbi sollevato sia in Gran Bretagna, sia nell’Unione Europea dove gli organi preposti stanno verificando che tale operazione non vada a determinare un a posizione di dominanza, o meglio di monopolio. Non a caso sono stati convocati anche gli altri top player quali Sony e Nintendo per sondare umori e situazioni. La preoccupazione delle Authority è che la creazione del nuovo polo non escluda altre piattaforme operative e dunque i relativi gamer. Dal canto suo, Microsoft ha fornito ampie rassicurazioni in questa direzione. Staremo a vedere…