playit

Il 9 gennaio 207 Steve Jobs svelava l’iPhone, dopo due anni di speculazioni online sul nome e sul progetto. E dopo che i primi smartphone iniziavano a fare capolino nell’offerta dei principali brand. Eppure l’iPhone, riprendendo e migliorando le più innovative funzioni sparse tra i marchi top dell’epoca (Htc, Nokia, Motorola e, in fase di crescita, Samsung), ha creato un trend tutto nuovo accelerando l’inevitabile passaggio dai tasti al touchscreen. In realtà, rimarcare la ricorrenza del primo iPhone, ossia tre lustri di Melafonino, significa osservare il passato con occhio critico per comprendere come il concetto di “touch” sia ormai entrato come funzione di base in qualsiasi prodotto, dagli elettrodomestici all’auto fino ai dispositivi multimediali.

E pensare che Apple ha evoluto il concetto di iPod per realizzare un telefono che potesse riprodurre musica e soddisfare una serie di altre, al tempo limitate, necessità dell’utente. L’iPhone nasceva per avere sempre con sé la musica, con una qualità di riproduzione almeno da iPod, senza rinunciare alle funzioni telefoniche.

Il vero successo della società di Cupertino è stato di rendere l’iPhone il punto di partenza e il fulcro di un ecosistema ampio, variegato, diffuso e così forte e coeso che, tanto per fare un esempio, Google investirà tutto il 2022 per portare Android a un livello più o meno equivalente.

D’altra parte: “Ogni tanto arriva un prodotto rivoluzionario che cambia tutto”. Con queste parole l’allora ceo di Apple Steve Jobs ha iniziato il suo discorso al Macworld di San Francisco il 9 gennaio 2007. Nella tipica tenuta nera, Jobs ha continuato dicendo che Apple stava introducendo “tre prodotti rivoluzionari” quel giorno. Il primo era un iPod widescreen con controlli touch, il secondo era un “telefono cellulare rivoluzionario” e il terzo era “un dispositivo di comunicazione Internet rivoluzionario”. Non erano tre prodotti, era uno solo: ovviamente il primo iPhone. E qui di seguito potete riascoltare la presentazione dello storico fondatore di Apple:

iPhone: 15 anni in 15 fatti

Con l’arrivo di iPhone si è persa l’abitudine di parlare di telefoni cellulari: è subentrato il termine smartphone. Secondo Jobs, il Melafonino era “cinque anni avanti a tutti i telefoni cellulari È un prodotto rivoluzionario e magico”. E non aveva torto.

Non solo in termini tecnologici ma soprattutto in fatto di ricavi e indotto finanziario, derivato dal dispositivo stesso, dalle licenze, dai servizi, dalle app e dai prodotti connessi all’ecosistema. Questo ha portato Apple a raggiungere il valore aziendale di 3 trilioni di dollari. Ripercorriamo lo sviluppo dell’iPhone in 15 passi fondamentali:

  • Il 10 settembre 2007, 74 giorni dopo che Apple ha rilasciato il primo iPhone, il 9 gennaio 2007 ha venduto il milionesimo Melafonino.
  • Nel 2007, quando l’iPhone è stato introdotto per la prima volta, il valore di tutte le azioni di Apple era 174,03 miliardi di dollari. Dopo 15 anni, il valore di mercato dell’azienda è di tre triliardi di dollari.
  • Il primo modello di iPhone era rivestito solo in alluminio di colore argento. Con la serie 13 la varietà di colori è aumentata a 5.
    iPhone 1Il primo iPhone aveva un prezzo di $ 499 e 4 GB di spazio di archiviazione. In caso di necessità di memoria aggiuntiva, era possibile acquistare 8 GB di spazio di archiviazione per 100 dollari in più. Nella più recente generazione sono comparsi modelli da 512 GB e 1 TB.
  • Quando Apple ha lanciato il primo iPhone, molte app di social media popolari come Instagram, Uber, TikTok, Twitch, Snapchat, Lyft, DoorDash, Tinder, Slack, Lime, Postmates, Venmo e Pinterest non esistevano ancora.
  • Impossibile avere la funzione “copia e incolla” sul primo iPhone. Questa opzione non è stata aggiunta per 2 anni fino a iOS 3, introdotto nel 2009.
  • Il primo modello di iPhone aveva solo 15 app: Calendario, Fotocamera, Orologio, Contatti, iPod, Mappe (Google Maps), Messaggi, Note, Telefono, Foto, Safari, Azioni, Memo vocali, Meteo e YouTube.
  • Il primo iPhone aveva una sola fotocamera e si trovava sul retro. L’iPhone 13 Pro ha un totale di quattro fotocamere, tre sul retro e una sul davanti.i phoneNon era possibile registrare video sul primo iPhone.
  • Negli ultimi 15 anni, gli iPhone sono apparsi in molte aree. Molti artisti con iPhone con clip, filmati o foto hanno realizzato progetti professionali.
  • Nel 2010, 3 anni dopo il rilascio del primo telefono di Apple, è apparso FaceTime; nel 2011 è nato iMessage.
  • Il 10 luglio 2008, Apple ha aperto l’App Store con 500 applicazioni. Ad oggi si contano oltre 1,8 milioni di app.
    i phoneIl primo iPhone aveva uno schermo 3,5″. Tra i telefoni dell’ultima serie, iPhone 13 mini ha schermi da 5,4 pollici, iPhone 13 da 6,1 pollici e Pro Max da 6,7 ​​pollici.
  • Non era possibile trasmettere dati come foto e video tramite messaggi di testo (MMS) sul primo iPhone. Il supporto MMS è stato aggiunto nel 2009 con iPhone OS 3.
  • Dal 2007 Apple ha immesso sul mercato 33 modelli varianti di iPhone. Il catalogo attuale comprende 8 prodotti.